Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Analisi dettagliate delle miniature e di altri prodotti
Post Reply
User avatar
Viscontedimezzato
Wargamer Junior
Posts: 52
Joined: 18 Jan 2019, 12:40
Location: Roma

Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Viscontedimezzato » 28 Jan 2019, 16:01

Sono un patito di scambio di informazioni, quindi ho deciso di rianimare questa sezione con un po' di recensioni a tema "materiale modellistico".

Tenete comunque sempre conto che:

- sono un modellista mediocre;
- laddove possibile, cerco sempre soluzioni semplici ed efficaci, soprattutto rapide, che un modellista esperto, per amore del risultato, applicherebbe diversi materiali.

Se tuttavia siete tra coloro che cercano più informazioni possibili su prodotti generalmente "alternativi" al wargaming e in particolare al monopolio GW, siete nel posto giusto.

Come sempre, ogni recensione sarà post a parte e questa apertura di discussione fungerà da indice.

A breve per le prime recensioni:

Ammo of Mig Nature Effects
Deluxe Material Aqua Magic
Prodotti Army Painter
Greenstuff World Colorshift metals
Greenstuff World Intensity Inks
Ak 47 Acrylic Terrains
Last edited by Viscontedimezzato on 31 Jan 2019, 16:10, edited 2 times in total.
“Nell'elaborare una strategia è importante riuscire a vedere le cose che sono ancora distanti come se fossero vicine ed avere una visione distaccata delle cose che, invece, sono più prossime.”


User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 3855
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Baldovino I » 28 Jan 2019, 16:31

Grazie tante. Attendo impaziente. Su un paio di prodotti potrei anche aggiungere qualche mia considerazione visto che, direttamente o indirettamente, ho utilizzato i prodotti o visto i risultati.

gianni
Power Wargamer
Posts: 1376
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by gianni » 28 Jan 2019, 17:11

Grandioso attendo impaziente!

User avatar
Viscontedimezzato
Wargamer Junior
Posts: 52
Joined: 18 Jan 2019, 12:40
Location: Roma

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Viscontedimezzato » 28 Jan 2019, 19:49

Bene, allora cominciamo subito con gli AK Acrylic Terrains, una serie di terreni ed effetti a base acrilica per diorami.

Parliamo sostanzialmente di texture che il sottoscritto utilizza per le basette dei propri eserciti. Uno di quegli argomenti attraverso i quali, una volta acquisita un po' di esperienza, ti rendi conto di quanto la GW sia quanto meno paracula nel prezzare i propri prodotti.

Come ci sono arrivato? Inizialmente cercavo un modo per fare delle basette un po' più dettagliate, e in un negozio ho pescato il WaterGel Swamp Green. Stavo imbasettando le mie Bestie fuori misura (leggi: i mostroni Mierce Miniatures), e variare dalle mie solite basette con effetto fango (Battlemire GW), mettere qualcosa di paludoso non mi sembrava male. Così ho pensato anche di aggiungere un effetto acqua per dare corposità ad un gel che sui video esplicativi veniva utilizzato senza particolare "spessore" (insomma, come una texture pura, senza una profondità nel caso in cui avessi voluto immergere i modelli in dei mm di acqua).

Qui salta subito all'occhio di chiunque un punto fondamentale:

- effetto texture GW, 24ml, 6 euro e spicci.
- effetto texture AK, 250ml, 12 euro e spicci (meno di 9 se comprate sul loro sito, 10 e qualcosa in alcuni negozi, 12 dove sono andato io).

Parliamo comunque di come funziona.

Lo swamp green pare vomito, quando lo apri (e per aprirlo ce ne vuole, perché nel frattempo una parte si è seccata nelle guide per svitare il tappo XD), l'odore è nauseabondo. Sono quasi tentato di rivenderlo, non perché faccia schifo, anzi è un effetto figherrimo, ma praticamente ci ho fatto svariate basette grandi, dalle 40x40 alle 100x50, e praticamente ho ancora l'intero barattolo. Praticamente ci potrei imbasettare gli eserciti dell'intera comunità romana di Nona Era.

Punto da tenere a mente per tutti gli effetti acqua AK è che il colore cambia mano a mano che si asciuga, e che si ottengono diversi effetti a seconda del colore su cui vengono stesi e soprattutto se si mischiano con altri effetti.

Nel mio caso l'ho steso su uno sfondo marrone, su uno sfondo verde scuro e su uno verde chiaro. Ho provato a montare su di esso l'effetto acqua in gel prima che si asciugasse e dopo che si è asciugato e i risultati - entrambi molto interessanti - sono ben diversi, con il primo che ha sviluppato una sorta di "nebbiosità", con effetto "palude dei morti di SDA", mentre gel su swamp asciugato risulta in un bellissimo "Tevere zozzo d'estate" che è un po' la cosa che più si avvicina in Italia alla tipica palude subsahariana modello "pozanghero in cui ippopotamo fa bagno".

Veniamo ora ad un paragone più stringente con GW. Questo periodo sto mettendo in piedi il mio esercito Reame di Equitaine, una monocavalleria. Volevo abbandonare il vecchio effetto fango, e spostarmi su qualcosa di più desertico roccioso. Mi sono orientato sull'Agrellan Badland GW, non avendo trovato l'Agrellan Earth o comunque ripromettendomi di mischiarli.

Ho quindi fatto i primi cavalieri con il Badland. Memore però dell'uso del Battlemire, mi sono reso conto che imbasettare tutto avrebbe rischiesto almeno 2 o 3 boccette. Alché ho pensato di rivolgermi all'AK per valutare un'alternativa.

Guardo in giro e vedo che per un desertico roccioso ho come base di partenza:

- Light Earth
- Desert Sand
- Sandy desert

Vado in negozio e pesco solo il Light Earth, lo prendo per vedere come si comporta.

Partiamo subito da un presupposto, in termini di paragone:

il colore è diverso, nel senso che il Badland GW tende al beige, mentre il Light Earth AK tende all'avorio, cioè un sabbiato molto chiaro. Questo non mi spaventa, userò una lavatura per scurirlo, è l'ultimo dei problemi.

In termini di "pasta", l'ak è molto più liquido e per generare dello "spessore" (ad esempio per "pareggiare" le basette tipiche della cavalleria Fireforge che io non taglio) richiede più strati dopo che il precedente si è asciugato. Vi è però da dire che se si guarda il video ufficiale del Badland viene mostrata una liquidità del materiale che all'atto pratico, nella boccetta, non c'è: la mia è proprio pasta.

Certamente quello GW - dati alla mano e descrizioni - si asciuga in un'ora, mentre l'AK ci mette un po' di più.

Inoltre il Badland genera sempre - anche se in minima parte - l'effetto crackle che è tipico del suo fratellino a grane fini Agrellan Earth. Per avere questo effetto da AK bisogna prendere l'apposito "Light&Dry Crackle effect" venduto comunque in succoso pacco da 100ml, quindi sempre più conveniente di GW.

In conclusione, ammettendo le leggere differenze tra le due texture, decisamente AK produce uno strumento non solo più conveniente, ma che non ha neanche alcunché da invidiare alla sua controparte GW.

A parte la puzza dello Swamp.
“Nell'elaborare una strategia è importante riuscire a vedere le cose che sono ancora distanti come se fossero vicine ed avere una visione distaccata delle cose che, invece, sono più prossime.”

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 3855
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Baldovino I » 29 Jan 2019, 20:47

Hai talmente ragione che persino quel tirchioni della GW hanno dovuto aumentare il volume delle boccette per i colori tecnici. grazie tante per la recensione. Mi sembra molto interessante e vedrò se riesco a trovare qualcuno qui in zona che distribuisca questi prodotti.
Altrimenti ci sono sempre i negozi online

User avatar
Viscontedimezzato
Wargamer Junior
Posts: 52
Joined: 18 Jan 2019, 12:40
Location: Roma

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Viscontedimezzato » 31 Jan 2019, 16:09

Bene, oggi vi parlo un po' dei prodotti Army Painter.

Vengo a conoscenza di questa azienda nel 2017, quando vedo sui forum menzionata la tecnica del dipping. Correva il febbraio di quell'anno, e io avrei dovuto dipingere tutta la mia monogoblin per portare oltre 6500 punti al Play Modena di quell'anno.

A quel punto gironzolo un po' di forum e scopro che un prodotto specifico per il dipping è prodotto da questa azienda di piccole dimensioni, la Army Painter. Trovo un negozio a Roma che ha il prodotto e mi fiondo (scopro così uno dei negozi dove ancora oggi vado per comprare qualcosa... perché purtroppo in Italia non puoi rifornirti in un negozio solo, devi conoscerne 213332849384).

Parliamo in sostanza dei Quickshade, barattoli di similmordente che piazzano delle ombre più o meno scure sui modelli. Army Painter nasce proprio con l'idea di essere un'azienda con prodotti per lo "speed painting", perché "ogni minuto usato per dipingere è un minuto non passato a giocare". Il loro set base iniziale prevedeva (allora) infatti pochi colori e poi i quickshade in barattolo o in boccette da 17ml.

Inoltre i due fondatori sono due ex GW: uno fu direttore marketing per il nord Europa, uno fu del team 'eavy metal. Questo per me è un ottimo motivo, perché l'idea di supportare le piccole aziende in UE per me è un dovere culturale.

Insomma, vado e compro, e "daje co sti gobbi, intigni ner barattolo".

Premetto che il risultato finale non è male: una volta asciugato il prodotto e passato il protettivo opacizzante, il pezzo è più che dignitoso per giocare.

Il problema è che tra dare i colori di base, intingi il prodotto, "sbatti" il modello con forza più e più volte per rimuovere il prodotto in eccesso (che su qualsiasi superficie finisce, distrugge", asciuga e passa il protettivo... beh il tempo risparmiato rispetto ad uno speed painting tradizionale (quello che faccio io: primer, colori base, (layer opzionali), lavature, schiarite) è quasi nullo.

Per concludere su questa parte, alla fine ho dipinto 120 gobbi in un mese col mio metodo e il quickshade, pur essendo un prodotto valido per ciò per cui nasce, è rimasto li.

Nel frattempo tuttavia i due danesi di cui sopra hanno deciso di espandere il proprio range di prodotti, e hanno tirato fuori (oltre ai precedenti colori e primer spray) la linea warpaint, che contiene in totale, tra acrilici, washes e metallici, ben 124 colori: insomma, l'intenzione è concorrere sul mercato sia verso Vallejo che verso GW.

Image


Ad oggi io non faccio molta differenza, ho ancora problemi ad abbandonare in toto i colori GW, e sto utilizzando sulla mia caotica scrivania: GW, Vallejo, Greenstuff, Army Painter e Scale75.

Posso assicurarvi che il bianco Army Painter vince a mani basse su quello GW e un po' tutti i colori sono più che buoni, direi che in linea generale non presentano significative differenze rispetto agli altri, se non in alcuni casi - come anche i primer - una maggiore pesantezza che quindi richiede una maggiore attenzione nell'uso.

Per capirci: i primer colorati AP sono ottimi, con la classica defiance del giallo, e il color pelle rancida per gli zombie che è davvero OTTIMO (prendete 120 zombie mantic, li primerate, passate una lavatura rossa e il gioco è fatto: dovete solo fare gli stracci che hanno addosso, e avete 120 zombie 75 volte superiori agli zombie GW dipinti da mostra). Solo che se fate l'errore di usarli troppo da vicino su una bella miniatura di resina con particolari scolpiti con poca profondità, rischiate di coprirli.

Ho provato anche il metro di AP: lo amo perché è grosso, ma si rompe facile (mannacc, io speravo di sostituire i metri GW! dovrò provare i metri IKEA).
Ho le tronchesi e il trapanino e le lime AP: tutto più economico di GW, tutto perfettamente funzionante. Forse le tronchesi hanno il problema che dopo un anno la plastica dei manici sguscia via.

Materiali per terreni, inclusi ciuffi d'erba: prezzo di mercato, ottima resa.




Insomma, anche qui, per me sono acquisti sicuri.

Alla prossima rece!
“Nell'elaborare una strategia è importante riuscire a vedere le cose che sono ancora distanti come se fossero vicine ed avere una visione distaccata delle cose che, invece, sono più prossime.”

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 3855
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Baldovino I » 31 Jan 2019, 16:49

Io ho a casa un barattolo di quickshade, ma non lo ho mai aperto. Sono curioso di scoprire (se mai lo aprirò), se è ancora fruibile. Il venditore da cui lo ho acquistato (il famoso "gnomo") mi ha detto che lo usa al posto degli shade, ma con il pennello, non intingendo.
Magari ti può ispirare per il futuro (e per non buttare quello che ti rimane).
Per il resto, anche io ho usato spesso e volentieri gli spray. In questo sono un mezzo criminale, perché se uso uno spray che non sia primer, lo uso come tale. Su alcune mini ho usato quello "grigio metallo" e quello marrone (tipo mornfoung brown GW per intenderci). Non sono rimasto deluso.
Sono d'accordo con te che il primer bianco sia molto meglio di quelli GW (che mi fanno letteralmente imbestialire).
Io, da qualche parte, devo avere un puntatore laser con linea di vista della AP. Non è che mi faccia gridare al miracolo. Anzi. Su altri materiali, anche io ho preso tronchesi e trapanino. Sinceramente li ho trovati di qualità più bassa rispetto alle ultime versioni GW. Funzionanti ma meno "performanti" (le punte del trapano mi si sono rotte più velocemente di quelle GW e la "lama" delle tronchesi mi si è "consumata" prima).

User avatar
Viscontedimezzato
Wargamer Junior
Posts: 52
Joined: 18 Jan 2019, 12:40
Location: Roma

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Viscontedimezzato » 31 Jan 2019, 16:53

Si, confermo che durano me i materiali tipo lama delle tronchesi. Ma a quel prezzo secondo me ci sta.
“Nell'elaborare una strategia è importante riuscire a vedere le cose che sono ancora distanti come se fossero vicine ed avere una visione distaccata delle cose che, invece, sono più prossime.”

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 3855
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Le Fantastiche Recensioni del Dottor Visconte Dimezzato

Post by Baldovino I » 31 Jan 2019, 17:25

Viscontedimezzato wrote:
31 Jan 2019, 16:53
Si, confermo che durano me i materiali tipo lama delle tronchesi. Ma a quel prezzo secondo me ci sta.
A dire il vero, ho trovato una differenza più evidente sulle tronchesine, nel senso che la lama GW è molto più fine e permette di staccare i pezzi in maniera più pulita.

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest