[AoS] Un'apologia di Age of Sigmar

Discussioni su Warhammer Fantasy Battles o Age of Sigmar
Gorfang
Wargamer Senior
Posts: 206
Joined: 22 Apr 2016, 10:47

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Gorfang » 22 Apr 2016, 10:52

''Guardate, qui il pugnale di Johnson l’ha trapassato: mirate lo strappo che Ward nel suo odio vi ha fatto: attraverso questo il ben amato Torpe l’ha trafitto; e quando tirò fuori il maledetto acciaio, guardate come il sangue di Warhammer lo seguì, quasi si precipitasse fuori di casa per assicurarsi se fosse o no Torpe che così rudemente bussava; perché Tore, come sapete, era l’angelo di Warhammer: giudicate, o dèi, quanto caramente Warhammer lo amava! Questo fu il più crudele colpo di tutti, perché quando il nobile Warhammer lo vide che feriva, l’ingratitudine, più forte delle braccia dei traditori, completamente lo sopraffece: allora si spezzò il suo gran cuore; e, nascondendo il volto nel mantello, proprio alla base della statua di Stormcast, che tutto il tempo s’irrorava di sangue, il gran Warhammer cadde. Oh, qual caduta fu quella, miei compatriotti! Allora io e voi, e tutti noi cademmo, mentre il sanguinoso tradimento trionfava sopra di noi.''


User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 25 Apr 2016, 17:26

Gorfang wrote:''Guardate, qui il pugnale di Johnson l’ha trapassato: mirate lo strappo che Ward nel suo odio vi ha fatto: attraverso questo il ben amato Torpe l’ha trafitto; e quando tirò fuori il maledetto acciaio, guardate come il sangue di Warhammer lo seguì, quasi si precipitasse fuori di casa per assicurarsi se fosse o no Torpe che così rudemente bussava; perché Tore, come sapete, era l’angelo di Warhammer: giudicate, o dèi, quanto caramente Warhammer lo amava! Questo fu il più crudele colpo di tutti, perché quando il nobile Warhammer lo vide che feriva, l’ingratitudine, più forte delle braccia dei traditori, completamente lo sopraffece: allora si spezzò il suo gran cuore; e, nascondendo il volto nel mantello, proprio alla base della statua di Stormcast, che tutto il tempo s’irrorava di sangue, il gran Warhammer cadde. Oh, qual caduta fu quella, miei compatriotti! Allora io e voi, e tutti noi cademmo, mentre il sanguinoso tradimento trionfava sopra di noi.''
Ma Thorpe è un uomo d'onore... ;)

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 6 Sep 2016, 20:11

Ma qualcuno di voi, alla fine, ha provato qualche partita a 'sta roba (magari con le regole del GH e con le FAQ+errata) o siamo ancora tutti in fase di rifiuto a prescindere (come è il mio caso)?

User avatar
Saint of Killers
Global Moderator
Posts: 4666
Joined: 16 Feb 2011, 13:53
Contact:

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Saint of Killers » 6 Sep 2016, 20:46

Baldovino I wrote:Ma qualcuno di voi, alla fine, ha provato qualche partita a 'sta roba (magari con le regole del GH e con le FAQ+errata) o siamo ancora tutti in fase di rifiuto a prescindere (come è il mio caso)?
ma non ci penso neanche lontamente, gia' mi viene male a leggere le regole (e le statistiche delle mini!)
che poi con tutte le alternative che ci sono chissenefrega di AoS
| a questo link army builder online per Kings of War II ed |
| a questo link army builder online per Deadzone |

gianni
Unstoppable Wargamer
Posts: 1630
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by gianni » 7 Sep 2016, 8:55

Io! Provato ovviamente nonostante la diffidenza. Ricordi che stavo pure meditando di prendere lo starter?

Beh la prova ha confermato tutte le mie impressioni, il sistema è gnocco, il combattimento con la bazza colpisci e ferisci con lo stesso valore indipendentemente da chi hai davanti è brutto, misurare dalla miniatura invece che dalla basetta è brutto, i carri che scalano le pareti sono brutti, il tiro in CaC è brutto.

Però no, non ho provato a giocare col General's Handbook, il mio rapporto con Aos era ormai irrimediabilmente incrinato.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 7 Sep 2016, 9:57

La domanda mi era sorta leggendo uno scambio di post ieri su Tilea. Ero rimasto abbastanza sbalordito dalla risposta che tupavko (i cui post trovo generalmente intelligenti e ben argomentati) aveva dato ad un tuo post, credo, gianni, nella quale sosteneva che il punto forte di AoS sono le regole e le warscrolls. Ho sgranato gli occhi, mi sono dato due ceffoni per assicurarmi di essere sveglio, ho riletto e poi mi son detto: "ma non è che mi son perso qualcosa? Parliamo dello stesso gioco? il GH deve aver veramente cambiato le cose!" Mi sono anche ricordato di alcune cose che mi avevano detto al negozio GW (e che io non avevo preso molto in considerazione, ovviamente, considerato che loro con quel prodotto ci campano), ovvero che il gioco rende al meglio se si utilizzano i vari battleplan, cosa che io non ho mai fatto, avendo rigettato il tutto dopo due tentativi.
Altra cosa che mi aveva lasciato veramente sbalordito era l'affermazione che il gioco senza utilizzare le WS degli elementi scenici perdeva tantissimo. Io la prima volta che l'ho provato, ho trovato la parte degli scenici pesantissima e quindi, per il secondo tentativo l'ho completamente rimossa.
E quindi mi è venuto naturale postare la domanda qui, per sapere se qualcun altro di voi "scettici" aveva avuto modo di farsi un'idea più precisa.

Io conto di riprovare in autunno, perché ho un amico che vuole giocare a un gioco di battaglie fantasy, ma non è proprio entusiasta di leggersi regole corpose (per lui più di cinque pagine è corposo) e perdersi in composizione di armate e, quindi, abbiamo raggiunto un accordo che quattro pagine (di cui una e mezza, secondo me, inutili) e quattro/cinque warscrolls sono una cosa fattibile persino per lui.
Last edited by Baldovino I on 7 Sep 2016, 9:59, edited 1 time in total.

gianni
Unstoppable Wargamer
Posts: 1630
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by gianni » 7 Sep 2016, 10:33

Su quel "troiaio" di Tilea :rofl: io sono Johanxp. Non mi ricordo di scambi di battute con Tupavko, se non diverso tempo addietro oppure non li ho letti. Ci vado poco ora!

Riguardo i battle plan degli elementi scenici ho letto che appesantiscono il gioco parecchio. Che può pure starci considerando che il corpus base del regolamento è davvero striminzito... però pare andare un po' contro così alla filosofia base del gioco stesso.

Credo che per il tuo amico Aos possa rappresentare un portale al mondo dei wargames tutto sommato sfruttabile se è completamente a digiuno di questo genere di esperienza. Fagli però ben presente che non è tutto così semplificato e che i migliori regolamenti sono più complessi e al contempo soddisfacenti - ma questo lo sai già!

Io ho ceduto, oltre che per il regolamento, anche per l'ambientazione che non schifo ma nemmeno mi prende, è una macedonia troppo ricca e mescolata per i miei gusti - che come sapete si sono modellati sull'immaginario di Tolkien.

A proposito di ambientazioni, ho un idea per un topic!

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 7 Sep 2016, 10:43

gianni wrote:Su quel "troiaio" di Tilea :rofl: io sono Johanxp. Non mi ricordo di scambi di battute con Tupavko, se non diverso tempo addietro oppure non li ho letti. Ci vado poco ora!

A proposito di ambientazioni, ho un idea per un topic!
Sì, avevo capito che eri tu. Ieri commentavi un post precedente di un altro utente che affermava che le regole di AoS sono chiarissime e tu, giustamente, facevi notare che quelle regole chiarissime comunque avevano avuto bisogno di FAQ per chiarirne determinati aspetti (il 2 x 1 come lo chiamo io: per ogni pagina di regole, due di FAQ). Tupavko ti ha risposto dicendo che il lato forte di AoS sono proprio le regole, mentre il BG è melma.

Attendo con impazienza il topic, allora...
Last edited by Baldovino I on 7 Sep 2016, 10:44, edited 1 time in total.

Gorfang
Wargamer Senior
Posts: 206
Joined: 22 Apr 2016, 10:47

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Gorfang » 10 Sep 2016, 18:38

Il BG di AoS davvero non capisco come faccia a piacere è brutta fusione tra Planescape e WH40k con alcuni personaggi presi da WHFB e storpiati ( stranamente ne sono sopravvissuti un bel po' agli End Times).

Dal lato regole non ha molto da offrire perchè per me è troppo legato al catalogo GW e dunque sono sparite unità senza miniature, truppe con poche opzioni (solo quelle negli sprue), poca personalizzazione in genere per personaggi e truppe.
Per partite veloci in WHFB c'è Warhammer Skirmish,Warhammer Warbands, Warhammer Border Patrols, Path to Glory, Quest for Grail...
Possibilità di armate a tema grazie ai supplementi,WD e i libri degli eserciti stessi e di giocare scenari : esisteva il Generals' Compendium con regole per scenari,campagne,assedi, gioco ''competitivo''.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 12 Sep 2016, 12:24

D'accordissimo con te, Gorfang, sul fatto che certe possibilità erano offerte anche dal vecchio WHFB. Però quel gioco richiede un vero investimento di tempo per imparare le regole e per comporre le armate. Se c'è un innegabile pregio in AoS è che le regole sono talmente semplici (e brutte proprio per questo dal mio punto di vista) che anche un novizio può buttarcisi in dieci minuti senza dover passare giorni a studiare il pacchetto completo.
Poi, quanto a lungo AoS come gioco possa restare appagante, è tutta un'altra storia...

Gorfang
Wargamer Senior
Posts: 206
Joined: 22 Apr 2016, 10:47

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Gorfang » 15 Sep 2016, 16:52

Si ,le regole imparano molto più facilmente e si gioca più velocemente.
Ho visto anche curiose discussioni su scheletrini generali e gente che teme di tornare ai tempi oscuri di WHFB e si vanta di giocare a Path to Glory che guarda caso è nato in terza ed. di Warhammer poi ripreso successivamente.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 15 Sep 2016, 17:40

Gorfang wrote:Si ,le regole imparano molto più facilmente e si gioca più velocemente.
Ho visto anche curiose discussioni su scheletrini generali e gente che teme di tornare ai tempi oscuri di WHFB e si vanta di giocare a Path to Glory che guarda caso è nato in terza ed. di Warhammer poi ripreso successivamente.
Sì, anche io ho provato a seguire quella discussione, ma la noia ha velocemente prevalso. Continuo a pensare che più o meno qualsiasi gioco sia godibile solo e unicamente se si gioca con persone che hanno la medesima predisposizione mentale, altrimenti è meglio lasciar perdere e cambiar gruppo.
Da questo punto di vista, AoS non è un'eccezione..

gianni
Unstoppable Wargamer
Posts: 1630
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by gianni » 20 Dec 2016, 19:17

È tutto sterco quel che puzza?
Ho continuato a seguire stancamente le vicende di Aos, dopo averlo provato e scartato subito per le regole tipo bugiardino tipo scatola di supposte e la mancanza si punti iniziale, oltre ad un bg macedonia illeggibile. Poi ho tentato con Warhammer quest, ma disgustato l'ho venduto con estremo piacere e senza alcun rimorso postumo.
Però Gw ci crede. Ha fatto uscire il General Handbook e messo i punti, ampliato il parco miniature (repackando alla grande comunque), creato starter molto economici, fato uscire novelle ecc ecc.
Si leggono cose tipo gol di Zoff al 93" di testa, vale a dire vendite migliori del 40k, tornei da 75 partecipanti, elogi sul sistema di regole snello e veloce, l'incentivo al gioco rilassato e alla campagna stile rpg e leggo di qualche hater della prima ora convertito.

Che succede, il prodotto è migliore di quel che pensavamo? Gw sta correggendo il tiro in meglio?
Oppure la gente è un po' schiava del marchio gw e della diffusione dei giochi inglesi e si fa andare bene tutto? Sono rincoglioniti?

Sospendono qui il discorso in attesa di commenti :D

User avatar
cultistapazzo
Unstoppable Wargamer
Posts: 2002
Joined: 7 Oct 2011, 16:33
Location: Torino

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by cultistapazzo » 20 Dec 2016, 20:02

gianni wrote:È tutto sterco quel che puzza?
Ho continuato a seguire stancamente le vicende di Aos, dopo averlo provato e scartato subito per le regole tipo bugiardino tipo scatola di supposte e la mancanza si punti iniziale, oltre ad un bg macedonia illeggibile. Poi ho tentato con Warhammer quest, ma disgustato l'ho venduto con estremo piacere e senza alcun rimorso postumo.
Però Gw ci crede. Ha fatto uscire il General Handbook e messo i punti, ampliato il parco miniature (repackando alla grande comunque), creato starter molto economici, fato uscire novelle ecc ecc.
Si leggono cose tipo gol di Zoff al 93" di testa, vale a dire vendite migliori del 40k, tornei da 75 partecipanti, elogi sul sistema di regole snello e veloce, l'incentivo al gioco rilassato e alla campagna stile rpg e leggo di qualche hater della prima ora convertito.

Che succede, il prodotto è migliore di quel che pensavamo? Gw sta correggendo il tiro in meglio?
Oppure la gente è un po' schiava del marchio gw e della diffusione dei giochi inglesi e si fa andare bene tutto? Sono rincoglioniti?

Sospendono qui il discorso in attesa di commenti :D
LOL

il torneo da 75 partecipanti è vero, è successo qui a torino. conosco gente che ci è andata (e conosco pure gli organizzatori tra l'altro)
su tilea è diventato un evento mitologico, qua in zona la gente se lo ricorda a malapena. ma sicuramente riproporranno un evento simile prima o poi (più prima che poi)
Che succede, il prodotto è migliore di quel che pensavamo?
assolutamente no, la zuppa è sempre quella
Gw sta correggendo il tiro in meglio?
un pò. sicuramente il general handbook ha impedito che questo gioco scomparisse dalla realtà
Oppure la gente è un po' schiava del marchio gw e della diffusione dei giochi inglesi e si fa andare bene tutto?
assolutamente si. certo la GW si è impegnata a fare un prodotto che facesse schifo anche agli irriducibili, ma col GH ha corretto il tiro e alla fine le mandrie si sono spostate su quei pascoli.
mandrie di giovane età eh sia chiaro, i grandi vecchi ormai fanno altro. almeno la maggioranza degli anziani, qualche convertito ad aos lo si trova

Sono rincoglioniti?
lo sono sempre stati! non è una novità
:hai:
Last edited by cultistapazzo on 20 Dec 2016, 20:03, edited 1 time in total.
Saint of Killers wrote:ci troviamo daccordo, per me il BG in un gioco e' un po' come la trama nei porno...

Gorfang
Wargamer Senior
Posts: 206
Joined: 22 Apr 2016, 10:47

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Gorfang » 20 Dec 2016, 23:49

gianni wrote:È tutto sterco quel che puzza?

Sospendono qui il discorso in attesa di commenti :D
I grandi tornei del fantasy hanno fatto sempre numeri simili e anche più sia nella più competitiva FIGW che nei Thrones of Skulls, GT...

Ironico che le idee per aos GW le vada a pescare nel Warhammer originale, punti, General's Hnadbook che suona moto simile a General's Compendium( conteneva regole per campagne,scenari ma anche un po' di tornei...) per non parlare di Path to Glory, l'evento Regiments of Renown... persino i nomi come doomseeker!

Credo che alcuni pensino che GW sia ''infallibile'' insomma io sono un po' flagellante ma ci sono molti cultisti di GW :rofl:

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 21 Dec 2016, 12:58

Adesso, visto che siamo in atmosfera natalizia, mi tocca fare un bel discorsetto ecumenico... e buonista... peggiove e ppeggiunone

a) Premesso che ognuno è libero di giocare e di farsi piacere ciò che più gli aggrada, senza che questo significhi necessariamente che se gli piace il prodotto A è certamente rincoglionito, mentre se gli piace il prodotto B è sicuramente intelligente;
b) appurato che le motivazioni per le quali un soggetto(ne) si avvicina al mondo delle miniature possono esulare dal fatto che il sistema di gioco ad esse associato sia perfettamente bilanciato e strategicamente ed intellettualmente esigente e possono ricondursi a ragioni legate al mero aspetto artistico (estetica delle miniature, pittura, artworks, riferimenti letterari, etc.);
c) posto che GW è un'azienda e che l'unico interesse di un'azienda è quello di vendere quanto più possibile;
d) constatato che, in attesa dei dati ufficiali sul bilancio semestrale dell'azienda, gli indicatori attualmente disponibili sembrano indicare un consolidamento delle vendite associate al nuovo sistema di gioco, con particolare riferimento al comparto miniature;
e) appreso che il suddetto sistema di gioco sarebbe riuscito, per la prima volta in svariati anni, ad avvicinare una nuova generazione di pischelli al colorato mondo di pupazzetti di plastica di foggia e razza strane e discutibili;
f) considerato che l'azienda in questione, certamente non reputata per la sua flessibilità e rapidità nel gestire il cambiamento, ha tuttavia intrapreso un percorso sicuramente positivo nel suo relazionarsi con i propri clienti, inclusi quelli potenziali,

l'omino verde (nell'occasione vestito di rosso e con una folta barba bianca), altrimenti noto sotto altri cortesi epiteti quali: Baldosauro, nonno Baldo, Age of Baldo (nel senso di Baldo c'ha un'età) e via dicendo, non può fare a meno di concludere quanto segue:
- possiamo parlarne male quanto vogliamo, ma GW continua a dimostrare di essere la leader del settore. Lo ha fatto mostrando un coraggio al limite dell'incoscienza.
- su GW se ne dicono (ed io sono tra quelli che dicono) di tutti i colori, tipo che non fanno analisi di mercato, non si interfacciano con la comunità di riferimento, ecci ecci. Però, ha proposto un gioco che incontra decisamente i gusti moderni e le "abitudini" ludiche moderne, in questo dimostrando che, in barba a quanto si dice, ne capisce molto di più della suddetta comunità di riferimento.
- gli attuali prodotti fantasy GW possono anche non piacere. A me, gianni, Saint, Shokon, cultistapazzo, gillian, gorfang, reV, etc. però, in termini di estetica e di qualità continuano a restare i prodotti di riferimento del settore.
- l'azienda è sana e forte. È impressionante il numero di prodotti che sforna ogni anno (non so se avete avuto modo di dare un'occhiata a questo, giusto per fare un ripassino), anzi ogni mese, senza dover ricorrere a KS o altri mezzi di rastrallamento di risorse e/o preordini. Da un punto di vista prettamente aziendale ed economico, tanto di cappello.
- "l'elefante" ha dimostrato anche la capacità di sapersi adattare: date un'occhiata alla community, alle pagine facebook, canale youtube, twitch, etc.
- i negozi GW continuano a rimanere un punto di riferimento. Passate davanti ad una vetrina di un negozio GW o di qualsiasi altro negozio indipendente. Io vedo gente di qualsiasi età fermarsi di fronte alla vetrina GW. Entrate dentro il negozio e il tipo di accoglienza che ricevete è di un certo tipo. Non parliamo poi cosa succede se entri accompagnato da un bambino. Cercano di accalappiarlo in ogni modo? Certo. Ci mancherebbe altro, è il loro lavoro. E lo fanno in maniera simpatica e, a volte, persino intelligente.

Allora, io mi domando e chiedo: è il cliente che è "rincoglionito" oppure è l'azienda che ha una sua capacità di attrattiva ben precisa, che funziona con certuni (evidentemente i più) e non con altri (persone che hanno raggiunto una certa maturità ludica, hobbistica, quello che vi pare a voi e che quindi cercano un livello ulteriore che GW ha deliberatamente scelto di non offrire più)?
Probabilmente è vera anche la prima, ma, personalmente, credo che sia più corretta (e maggiormente esplicativa) la seconda.

Poi tutto ciò non toglie che:
SpoilerShow
AoS mi fa schifo!!!!!!!

ma, purtroppo, se voglio provare a convincere mio figlio a giocare con me, è il mio futuro per i prossimi due/tre anni... :cry:

gianni
Unstoppable Wargamer
Posts: 1630
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by gianni » 21 Dec 2016, 17:38

Ci tengo sottolineare che il "rincoglioniti" è stato utilizzato in tono goliardico, spero di non aver offeso nessuno, nel caso mi scuso e comunque non era mia intenzione farlo.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 21 Dec 2016, 17:53

gianni wrote:Ci tengo sottolineare che il "rincoglioniti" è stato utilizzato in tono goliardico, spero di non aver offeso nessuno, nel caso mi scuso e comunque non era mia intenzione farlo.
gianni, sicuramente tra quelli che scrivono su questo forum non si è offeso nessuno e, conoscendoti bene, il tono goliardico era evidente. Hai fatto bene a precisare a beneficio di "ospiti occasionali". :y:

User avatar
cultistapazzo
Unstoppable Wargamer
Posts: 2002
Joined: 7 Oct 2011, 16:33
Location: Torino

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by cultistapazzo » 21 Dec 2016, 20:01

gianni wrote:Ci tengo sottolineare che il "rincoglioniti" è stato utilizzato in tono goliardico
io tengo a sottolineare invece che il "rincoglioniti" è stato utilizzato in tono volutamente dispregiativo.
c'è chi ha vomitato veleno per un anno contro aos e che all'uscita dei punti si è comprata casse di SLAUGHTERCOSI, ha giocato, ha continuato a vomitare veleno e continua ancora a giocare. gente cosi non si merita solo la gogna pubblica ma anche le percosse fisiche.

non mi riferisco ovviamente a nessuno del forum, ma se avete la coda di paglia e vi siete offesi, non è un mio problema e non chiederò scusa per questo :rofl:
Saint of Killers wrote:ci troviamo daccordo, per me il BG in un gioco e' un po' come la trama nei porno...

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 4230
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Un'apologia di Age of Sigmar

Post by Baldovino I » 22 Dec 2016, 11:19

cultistapazzo wrote: non mi riferisco ovviamente a nessuno del forum, ma se avete la coda di paglia e vi siete offesi, non è un mio problema e non chiederò scusa per questo :rofl:
Dubito fortemente che qualcuno dei tradiziali avventori di questo forum possa essersi risentito in alcun modo...
È solo che così impedisci il ricambio generazionale :rofl: nuove leve potenziali del forum me le spaventi "in fasce" quando la tua modalità "brontolo nanico" è attivata in modalità acuta... :rofl:
Last edited by Baldovino I on 22 Dec 2016, 11:20, edited 1 time in total.

Post Reply