Spartan Games chiude

Spazio per i giochi di miniature che non hanno una sezione propria
gianni
Power Wargamer
Posts: 968
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Spartan Games chiude

Post by gianni » 25 Aug 2017, 18:13

Purtroppo questa ormai storica ditta inglese chiude i battenti e non è uno scherzo. Mi spiace davvero molto...

http://myemail.constantcontact.com/Spar ... mmIEw9dLv0


User avatar
cultistapazzo
Unstoppable Wargamer
Posts: 1765
Joined: 7 Oct 2011, 16:33
Location: Torino

Re: Spartan Games chiude

Post by cultistapazzo » 26 Aug 2017, 0:07

per quanto la notizia mi colga assolutamente alla sprovvista (aspettavo la fine del KS di firestorm 3 con tiepidissima curiosità) io invece devo ammettere che sono molto contento, anzi soddisfatto.

mi scalda il cuore vedere che scelte aziendali fatte alla c***o di cane in pieno stile british non solo non pagano, ma ti portano al fallimento.

è giusto, è giusto così. unico neo, ma anche questo in pieno stile british, tirare in ballo le condizioni di salute di un loro dirigente è una cosa alquanto disgustosa oltre che macabra. invece di ammettere che sono stati dei totali idioti tirano in ballo cose private che fatico a credere siano tra le principali cause della loro chiusura.
insomma, ammettere l'errore mai, sempre colpa di terzi, di fenomeni atmosferici, di eventi imprevedibili, gli alieni, il nuovo ordine mondiale, le scie chimiche, i terrapiattisti, la fine del ciclo-vita della sonda Cassini

no cara spartan, il motivo della vostra chiusura è che non siete stati capaci di fare il vostro lavoro con lungimiranza, anzi, non siete stati capaci di fare il vostro lavoro punto, siete solo degli incompetenti, avete fatto delle scelte davvero sbagliate e come si suol dire "chi sbaglia paga"
siete dei ciarlatani del pupazzo, nient'altro.

e voi ora pagate e spero che pagherete salato. e che il vostro fallimento serva di lezione a tutta quella galassia di schifosi mangiapudding che si agita tronfio e tracotante nel sottobosco di Nottingham (si Mantic, ce l'ho soprattutto con te): il pressapochismo non paga, anzi ti danneggia.
ma sarà impossibile che qualcuno capisca la lezione. è molto più probabile che vedremo qualcun altro fallire e chiudere la baracca. sinceramente non vedo l'ora.

sti fish&chips hanno inventato il capitalismo globale consumista e poi pensano di stare sul mercato da loro creato con la simpatia e le buone intenzioni. ma tornate a pascolare le capre e a giocare coi cromlech, buffoni.

detto questo addio Spartan Games, a mai più rivederci
che poi non sarà mai vero, visto che questi ladri di ossigeno li ritroveremo assunti nella altre varie aziende del pupazzetto, paraculi neanche fossero statali italiani ai tempi della democrazia cristiana (lo scrivo per esteso che se abbrevio D.C. poi voi bambini col fidget spinner pensate che stia parlando di fumetti e vi si gonfia il neurone)

ok fine dello sproloquio
Saint of Killers wrote:ci troviamo daccordo, per me il BG in un gioco e' un po' come la trama nei porno...

Bonny
Wargamer Junior
Posts: 78
Joined: 11 Sep 2013, 11:24
Location: Reggio Emilia

Re: Spartan Games chiude

Post by Bonny » 26 Aug 2017, 0:56

Urca, alla faccia del dente avvelenato!
Come mai tutto questo astio nei loro confronti?

gianni
Power Wargamer
Posts: 968
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Spartan Games chiude

Post by gianni » 26 Aug 2017, 8:42

Non so a quali errori si riferisca cultista, che non riporta. Ma tanto livore non lo capisco proprio considerando che dietro alla chiusura di un'azienda ci sono persone che perdono il lavoro con una famiglia, gente che magari aveva a cuore il proprio lavoro ecc. E non vado oltre perché non mi pare ci sia molto altro da dire e non voglio litigare con nessuno.

Dal mio punto di vista hanno tirato troppo la corda con troppe linee di miniature in essere, lasciando spesso semi abbandonate le linee precedenti, e speso troppo per la licenza di Halo (che immagino non abbia portato i risultati ottenuti).

Io avevo preso Halo Fleet Battles e lo avevo trovato discreto con miniature carine. In generale mi pare che i loro giochi fossero carini, troppo randomici per i miei gusti ma carini.

Allargando il discorso credo comunque che questo siano i primi risvolti negativi di un mercato che comincia ad essere davvero saturo di offerta.

Nizar
Wargamer Senior
Posts: 203
Joined: 22 Oct 2011, 18:38

Re: Spartan Games chiude

Post by Nizar » 26 Aug 2017, 9:41

Chiude i battenti anche Tor Gaming, in quel caso tirano in ballo il cambiamento di mercato e l'eccessivo affacciarsi sul mercato di nuove ditte grazie al crowfounding. Chiude anche On the Lab, personalmente non sapevo neanche esistessero.

Ebbi a che fare con la Spartan credo un anno fa, quando mi chiesero una scultura per iniziare un nuovo esercito (o forse gioco) in 28mm, una volta preparato il preventivo con tanto di anticipo (non mi muovo più senza un anticipo) mi dissero che loro si aspettavano che avessi fatto il primo modello come prova per vedere come veniva e se mi adattavo alle loro esigenze (per vedere come vengono fuori i miei modelli c'è apposta il mio portfolio) quindi la cosa si chiuse lì, sospetto quindi fossero già in crisi.

Personalmente credo che ci sia una saturazione, si, ma solo di gente che prende sotto gamba la cosa (ditte ne son chiuse parecchie negli anni, il caso più eclatante è stato quello di Rackam e prima ancora Target, quindi poco mi impressiona la chiusura di Spartan e Tor). Il mercato delle miniature è strano, perché è una nicchia dominata da una sola ditta (lo storico è un discorso diverso, ancora più difficile a mio avviso), ditta che di fatto è unica nel mercato e agisce tranquillamente senza quasi curarsi della concorrenza. Inoltre, se si punta ad un prodotto unico, a se stante, allora si va incontro a problemi grossi, ovvero il gioco organizzato e costruire una rete che supporti che invoglino al gioco perché uno dei grossi problemi è che per giocare hai bisogno di un avversario e quando ne hai solo uno ti annoi presto, cosa non da poco, che io sappia c'è riuscita, oltre a GW, solamente Prevateer Press (non so FFG a tale proposito). Se punti al mercato dei proxie per WH, bhe, quello credo sia davvero più che saturo, inoltre GW con la plastica ha iniziato fare cose davvero difficili per i piccoli concorrenti (fare un nagash in resina è proibitivo dal punto di vista dei costi) e benché molti pensino che le miniature siano care, in realtà il prezzo imposto da GW (devi adattarti al prezzo di GW, puoi stare poco sopra o poco sotto, ma non discostarti di troppo) consente appena di sopravvivere a tutti quelli che non producono in plastica (praticamente una manciata di ditte)

Cultista Pazzo avrà i suoi buoni motivi per essere cosi aggressivo nei confronti della ditta, personalmente io penso che si sia commesso l'errore di disperdersi in tanti rivoli di progetti separati che di fatto poco hanno in comune e non essersi invece concentrati nel supporto al gioco organizzato. Il pagamento di diritti poi è una rogna (fading suns e halo).

User avatar
Saint of Killers
Global Moderator
Posts: 3788
Joined: 16 Feb 2011, 13:53
Contact:

Re: Spartan Games chiude

Post by Saint of Killers » 26 Aug 2017, 11:31

gianni wrote:
26 Aug 2017, 8:42
Non so a quali errori si riferisca cultista, che non riporta. Ma tanto livore non lo capisco proprio considerando che dietro alla chiusura di un'azienda ci sono persone che perdono il lavoro con una famiglia, gente che magari aveva a cuore il proprio lavoro ecc.
si pero' possono avere a cuore il loro lavoro quanto vogliono ma se non sono in grado fare il loro mestere sono ca##i loro ad un certo punto

nel senso che non e' che il mondo va avanti a buone intenzioni, alla fine delle fiera se il loro prodotto non e' competitivo non ci sono ca##i che tengono

cmq a leggere quella loro dichiarazione ci sono cose che lasciano un po' cosi'
al di la' della scusa "uno dei direttori aveva problemi di salute" che sembra un po' una minchiata c'e' la questione che sembra avessero debiti a destra e manca... ma quindi hanno fatto il KS per pagarsi i debiti (e non tanto per fare l'espansione?) e visto che non e' andato bene come previsto hanno chiuso i battenti? :fubar:
| a questo link army builder online per Kings of War II ed |
| a questo link army builder online per Deadzone |

User avatar
cultistapazzo
Unstoppable Wargamer
Posts: 1765
Joined: 7 Oct 2011, 16:33
Location: Torino

Re: Spartan Games chiude

Post by cultistapazzo » 26 Aug 2017, 14:48

Bonny wrote:
26 Aug 2017, 0:56
Come mai tutto questo astio nei loro confronti?
l'astio è rivolto alla generalità del mondo anglosassone, non solo alla spartan e non solo al mondo del pupazzetto. non li sopporto, non sopporto il loro modo di fare, non sopporto chi non si assume le proprie responsabilità, non sopporto chi scarica il barile, non sopporto l'improvvisazione nel mondo del lavoro, non sopporto il loro razzismo (culturale ma non solo). e il razzismo alla spartan lo conoscono molto bene, ma non scendo nei dettagli che non sono affari nè miei nè vostri.
sono gli stessi pastori analfabeti che i romani conquistarono e pensano di essere degli dei scesi in terra, infallibili e onnipotenti. e io odio ferocemente questo tipo di atteggiamento.
gianni wrote:
26 Aug 2017, 8:42
Non so a quali errori si riferisca cultista, che non riporta.
uncharted empires è stato il loro primo prodotto, un fantasy navale. non lo conosco, ma successivamente hanno chiuso la linea. immagino fosse perchè non vendeva e immagino che si saranno detti "non vende perchè non interessa" quando è più probabile che fosse un regolamento fatto molto male e non vendeva soprattutto per questo. i modelli erano bruttini ma era la loro prima produzione.

firestorm armada è stato il loro secondo prodotto. la prima edizione (di cui comprai il manuale, che ho ancora) era un regolamento incomprensibile e illeggibile. io non conosco bene la lingua inglese (e non la voglio conoscere), ma a detta di gente che parla l'inglese molto bene, sembra che sia scritto da un illetterato. è proprio carente da un punto di vista grammaticale. insomma non si capisce niente.
la seconda edizione doveva essere la svolta di questo gioco, e invece no. da un punto di vista del linguaggio va meglio, ma è lo stesso di difficile comprensione. si caratterizza per essere un gioco dal regolamento difficile da imparare, difficile da applicare durante la partita e dall'altissimo tasso di c**o ai dadi. insomma, è come leggere un testo di matematica universitario, ma poi il voto all'esame è deciso tirando dei dadi. per me una presa in giro, l'esatto contrario di come per me dev'essere un gioco di pupazzi. non entro neanche nel merito dell'equilibrio tra le fazioni che è solo tempo perso

dystopian wars: è il gioco che ha fatto passare la spartan da azienda del garage della nonna ad azienda conosciuta in tutto il mondo. insomma è stato la svolta della loro vita. e loro hanno fatto su un casino incredibile con questo prodotto
la prima edizione era tipo la prima edizione di firestorm armada, scritta da un analfabeta che non aveva idea di quello che stava facendo. ma l'atmosfera del gioco era molto bella, per certi versi innovativa e ha suscitato parecchio interesse.
per correre ai ripari uscì l'edizione 1.1, una sorta di revised della prima. rimaneva un gioco difficile da imparare, complicato da applicare in partita e assolutamente culoso ai dadi, ma era giocabile ed ebbe un riscontro piuttosto positivo anche in termini di vendite.
dopo alcuni anni in cui il pubblico chiedeva una seconda edizione scritta meglio e più comprensibile, loro realizzarono una seconda edizione peggiore della 1.1. ora non so i dettagli che non mi interessai dell'argomento all'epoca, ma è l'edizione che ha ucciso questo gioco, facendo allontanare la maggior parte degli interessati per dedicarsi ad altro. not bad! :y:
so che ci fu un KS lo scorso anno con una edizione 2.5, ma ne so ancora meno. fatto sta che loro hanno chiuso, ma so di gente che aspetta ancora che quei prodotti siano spediti. davvero complimenti

parlando in generale, quando un'azienda cresce e passa da irrilevante a "hei ci siamo anche noi!", per continuare a crescere deve diversificare il prodotto. ai tempi della 1.1 di DW cominciarono a diversificare, compiendo altre scelte cretine
in primo luogo, la loro idea di diversificazione era continuare a fare wargame con le stesse ambientazioni dei giochi principali. quindi hanno investito vagonate di capitali per realizzare wargame satelliti dei giochi principali, wargames di cui non fregava niente a nessuno.

quanti di voi conoscono dystopian legions? ecco appunto

planetfall? carina l'idea, però non era meglio avere DW e FA fatti bene e con un buon pubblico\clientela stabile prima, invece che produrre cose a caso?
tutti sti wargame poi costano, ci vogliono un sacco di modelli di diverse fazioni, insomma un casino.
da questo punto di vista, ovvero sulla crescita e diversificazione del prodotto, la mantic è stata mooolto più furba producendo boardgame oltre che wargame.

senza contare che dei giochi principali (DW e FA, ma se non ricordo male anche in PF c'erano le sottofazioni) realizzarono un botto di navi di fazioni e sottofazioni diverse. ecco, la scelta di fare le sottofazioni secondo me è stata un'altra pessima idea. perchè dovrei comprare le navi di una sottofazione, che non ha tutte le scelte disponibili e che non verrà sviluppata in futuro, quando posso comprare direttamente la fazione principale?

edit: mi ero dimenticato della linea spartan scenics, anche quella lanciata tramite KS se non erro. scenici sci-fi in 28mm per giochi che la spartan neanche produceva. insomma hanno fatto scenici per giochi tipo infinity e wh40k quando loro una linea di pupazzi sci-fi in 28mm neanche ce l'avevano
perchè? qual'è il senso commerciale di questa operazione? date voi una risposta per favore, che io davvero non so cosa rispondere se non che sono dei casi umani

HALO poi è stato il suicidio commerciale definitivo. non posso vantarmi di essere uno degli uccelli del malaugurio dell'epoca, ma alcuni di quei pennuti li conosco e ben ricordo cosa dissero.
un'IP strapagata, per realizzare un prodotto che nessuno ha comprato e che va contro la legge dell'incontro tra videogiochi-pupazzi-cinema: non finisce mai bene, perchè i fan di un prodotto di un media difficilmente passano allo stesso prodotto di un media diverso.

insomma, lo scoppio della bolla di isda del 2008-2009 che quasi fece chiudere la GW a questi della spartan non ha insegnato nulla. anzi ci si sono buttati a pesce, per realizzare non solo un prodotto di cui non fregava niente a nessuno, ma che ti faceva concorrenza interna non ad uno dei tuoi giochi, ma a ben due! (FA e PF)
che imbarazzo.

epperò è colpa delle condizioni di salute di un loro dirigente. si certo come no. ma vergognatevi

dai seriamente, il mondo dei wargame non ha bisogno di gente come questa e staremo molto meglio senza di loro
Nizar wrote:
26 Aug 2017, 9:41
Cultista Pazzo avrà i suoi buoni motivi per essere cosi aggressivo nei confronti della ditta
no in realtà non molto. se non un'intolleranza feroce verso gli anglosassoni che ho illustrato sopra ;)
diciamo che in generale dispiace vedere come gente che ha una buona idea poi manda tutto alle ortiche perchè sono degli incompetenti che si credono competenti.

ad ogni modo sei stato fortunato a non essere assunto da loro, non ho sentito parlare bene del loro staff interno.
Last edited by cultistapazzo on 26 Aug 2017, 16:53, edited 1 time in total.
Saint of Killers wrote:ci troviamo daccordo, per me il BG in un gioco e' un po' come la trama nei porno...

gianni
Power Wargamer
Posts: 968
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Spartan Games chiude

Post by gianni » 26 Aug 2017, 16:52

Saint of Killers wrote:
26 Aug 2017, 11:31
gianni wrote:
26 Aug 2017, 8:42
Non so a quali errori si riferisca cultista, che non riporta. Ma tanto livore non lo capisco proprio considerando che dietro alla chiusura di un'azienda ci sono persone che perdono il lavoro con una famiglia, gente che magari aveva a cuore il proprio lavoro ecc.
si pero' possono avere a cuore il loro lavoro quanto vogliono ma se non sono in grado fare il loro mestere sono ca##i loro ad un certo punto

nel senso che non e' che il mondo va avanti a buone intenzioni, alla fine delle fiera se il loro prodotto non e' competitivo non ci sono ca##i che tengono

cmq a leggere quella loro dichiarazione ci sono cose che lasciano un po' cosi'
al di la' della scusa "uno dei direttori aveva problemi di salute" che sembra un po' una minchiata c'e' la questione che sembra avessero debiti a destra e manca... ma quindi hanno fatto il KS per pagarsi i debiti (e non tanto per fare l'espansione?) e visto che non e' andato bene come previsto hanno chiuso i battenti? :fubar:
Non erano capaci di fare wargames ed infatti sono falliti. Non ho scritto da nessuna parte che non dovevano fallire o dovevano essere salvati, ho detto solo che mi spiace che siano andati perché il mercato si impoverisce di offerta.
Poi ho pensato al risvolto sociale della cosa. Non credo di dover scusare il mio scarso cinismo.

gillian
Power Wargamer
Posts: 802
Joined: 14 Nov 2011, 22:12

Re: Spartan Games chiude

Post by gillian » 27 Aug 2017, 20:16

Sostanzialmente condivido i contenuti espressi nel post di Cultisita (meno i toni :)), in generale direi che se le case produttrici di miniature anziché ingegnarsi nel cercare nuovi metodi per ingozzare i consumatori di miniature, si ingegnassero per rendere i giochi più coinvolgenti e divertenti, probabilmente assisteremmo a meno chiusure. Sarebbe interessante anche una qualche forma di cooperazione, creando magari eventi comuni anziché frammentati. Ma qui sto sognando.

G.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 2997
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Spartan Games chiude

Post by Baldovino I » 28 Aug 2017, 12:16

Non vi posso lasciare due settimane da soli e guarda che argomento ritrovo al mio ritorno... ragazzacci!!! :lol:

Scherzi a parte, io sono uno dei pochi (credo) ad aver acquistato la prima edizione di uncharted seas, con tanto di set di base per quattro flotte (impero umano, bone griffons, orc raiders e thainiras elves). Ho persino dato una lettura rapida rapida alle regole (quindi senza potermi soffermare troppo sui particolari delle singole meccaniche) e non mi era sembrato eccessivamente macchinoso.
Le miniature, oggettivamente, non erano granché. Mi ero ripromesso di vedere quelle della seconda edizione (che mi sembravano più carine) e ho scaricato il regolamento 2.0 (mai letto).

Non posso dire che il fallimento di quest'azienda mi provochi sensazioni praticolari. Posso dire che, a partire dal giorno successivo al referendum sul Brexit, mi riesce difficile provare alcunché di positivo nei confronti dei sudditi di sua maestà, ma questo è tutto un altro discorso che poco ha a che vedere con un sito di giochi di pupazzetti.

Sul giudizio umano e, soprattutto, professionale nei confronti dei suddetti sudditi, la mia esperienza personale mi porta a posizioni molto vicine a quelle di cultista, però...

però, con un minimo di oggettività, razionalità, distacco e anche un pizzico di romanticismo, non posso negare l'evidenza. Ovvero che, senza ditte di Nottingham e dintorni, molti dei miei anni ruggenti sarebbero stati molto meno divertenti e molto più "poveri" di quanto siano effettivamente stati... Quindi, alla fine della fiera, mantengo una bella dose di gratitudine per l'intero comparto. Sono anche convinto che, se negli anni a venire, mio figlio vorrà farmi il piacere di giocare ai giochi che ho accatastato nel corso degli anni, avremo anche modo di provare uncharted seas. E allora potrò dare un giudizio sereno ed oggettivo anche sul loro gioco.
Per il momento mi astengo dal giudicare le meccaniche e posso solo guardare alle ambientazioni. Anche qui un pelo di gratitudine non può mancare, specialmente per aver riportato in vita la guerra sul mare in ambientazione fantasy (cosa che mi permetterà, a mio figlio piacendo, di arricchire le nostre future campagne) e per aver creato l'ambientazione di dystopian wars che aveva tanto tanto potenziale.

Sono molto d'accordo con Nizar sulla situazione (saturazione) del mercato. Continuo ad osservare una proliferazione di prodotti che sono destinati immancabilmente (e forse anche ingiustamente in alcuni casi) a rimanere una nicchia della nicchia. In una situazione del genere diventa facilissimo fare il passo più lungo della gamba. Ho anche l'impressione che le dinamiche dei KS stiano prendendo una tangente molto pericolosa per aziende di dimensioni medie (nel senso che, magari hanno un nome, ma una posizione economica e di struttura ancora fragile), mentre resta uno strumento utile per aziende mononucleari. Eccezione alla regola CMON, ma perché sa bene cosa produrre (in particolare board games) e su cosa puntare. Il tutto in un quadro in cui c'è ancora un monopolista che detta i ritmi e le regole e, che piaccia o meno, da buon monopolista riesce a vendere anche la c***a come cioccolata.

Poi io resto un caso particolare (non necessariamente su questo forum). A me piace collezionare miniature fantasy-storico-medievale per ricreare storie. Mi interessa poco il gioco competitivo e, quindi, chiudo anche entrambi gli occhi sulle regole in certi frangenti. Il mio giudizio, pertanto, è sempre indirizzato dall'aspetto estetico e dall'atmosfera che i giochi riescono a ricreare.

P.S. non oso neanche immaginare quale epitaffio abbia cultista in serbo nel caso (remotissimo) in cui anche GW vada gambe all'aria... :rofl: :rofl: :rofl: (per favore, questo commento prendetelo tutti a ridere, cultista in primis, perché è proprio inteso in tal senso...)

gillian
Power Wargamer
Posts: 802
Joined: 14 Nov 2011, 22:12

Re: Spartan Games chiude

Post by gillian » 28 Aug 2017, 18:14

Ma io tutta sta frammentazione del mercato non la vedo, la diffusione capillare dei wargames rimane ad appannaggio di massimo un paio di ditte. La rimanenza è recuperabile, solo tramite internet, relegando i relativi prodotti ad un pubblico estremamente limitato, legato per lo più alle vicissitudini della ristretta cerchia di amici.

Questo almeno in Italia, nel resto del mondo nun so, del resto vivo e gioco in Italia ::D_old: . L'unica cosa rimarchevole è una generalizzata forma di chiusura vs i prodotti che non sono di "massa".


G.

User avatar
cultistapazzo
Unstoppable Wargamer
Posts: 1765
Joined: 7 Oct 2011, 16:33
Location: Torino

Re: Spartan Games chiude

Post by cultistapazzo » 28 Aug 2017, 18:40

Baldovino I wrote:
28 Aug 2017, 12:16
P.S. non oso neanche immaginare quale epitaffio abbia cultista in serbo nel caso (remotissimo) in cui anche GW vada gambe all'aria... :rofl: :rofl: :rofl:
"E invece io essendo povero ho soltanto i miei sogni. Cammina leggero, perché cammini sopra i miei sogni."

;)
Saint of Killers wrote:ci troviamo daccordo, per me il BG in un gioco e' un po' come la trama nei porno...

Nizar
Wargamer Senior
Posts: 203
Joined: 22 Oct 2011, 18:38

Re: Spartan Games chiude

Post by Nizar » 28 Aug 2017, 20:05

Mah, su gw, non so quanto sia affidabile questo sito ma sopratutto so se ho ben capito quello che c'è scritto, però se devo dargli retta mi pare di capire che GW non sia proprio un isola felice:
https://www.macroaxis.com/invest/ratio/ ... Bankruptcy

Guardate che ci sono anche ditte che però di GW se ne fregano, mi viene da pensare a Guilds Ball, che non solo non ha minimamente risentito della ristampa di Blood Bowl, ma addirittura si sta espandendo. Oppure di WM, che di fatto credo sia il wargame più giocato in america, dove ogni torneo è un vero evento, alla faccia di GW.

Va anche detto che, contrariamente da quanto pensato da alcuni, credo che la nuova GW abbia poco a che fare con il fallimento di queste ditte, mi pare di capire che Spartan fosse concentrata sulle piccole scale, settore dove gw è praticamente assente.

Qual'era l'ambientazione di dyspotian war?

User avatar
Saint of Killers
Global Moderator
Posts: 3788
Joined: 16 Feb 2011, 13:53
Contact:

Re: Spartan Games chiude

Post by Saint of Killers » 28 Aug 2017, 23:01

Nizar wrote:
28 Aug 2017, 20:05
Guardate che ci sono anche ditte che però di GW se ne fregano, mi viene da pensare a Guilds Ball, che non solo non ha minimamente risentito della ristampa di Blood Bowl, ma addirittura si sta espandendo. Oppure di WM, che di fatto credo sia il wargame più giocato in america, dove ogni torneo è un vero evento, alla faccia di GW.
ecco sia steam forged games (quella di Guild ball) che Hawk wargames (quella di dropzone drop fleet/zone commander) sono due aziende che hanno saputo approfittarsi del disinteresse di GW verso alcuni prodotti (ovvero lo sport fantasy e la roba in scala 10-15mm) e credo che stiano andando piuttosto bene

per la questione US c'e' anche da tenere in conto anche XWing (che e' giocatissimo) e c'e' anche da vedere cosa suggede una volta che FFG tira fuori Star Wars Legion con la serie "aggressiva" di uscite che ha promesso...
| a questo link army builder online per Kings of War II ed |
| a questo link army builder online per Deadzone |

User avatar
Saint of Killers
Global Moderator
Posts: 3788
Joined: 16 Feb 2011, 13:53
Contact:

Re: Spartan Games chiude

Post by Saint of Killers » 28 Aug 2017, 23:02

Nizar wrote:
28 Aug 2017, 20:05
Qual'era l'ambientazione di dyspotian war?
mi pare una specie di prima guerra mondiale "alternativa"
| a questo link army builder online per Kings of War II ed |
| a questo link army builder online per Deadzone |

gianni
Power Wargamer
Posts: 968
Joined: 31 Mar 2015, 12:27

Re: Spartan Games chiude

Post by gianni » 28 Aug 2017, 23:05

gillian wrote:
28 Aug 2017, 18:14
Ma io tutta sta frammentazione del mercato non la vedo, la diffusione capillare dei wargames rimane ad appannaggio di massimo un paio di ditte. La rimanenza è recuperabile, solo tramite internet, relegando i relativi prodotti ad un pubblico estremamente limitato, legato per lo più alle vicissitudini della ristretta cerchia di amici.

Questo almeno in Italia, nel resto del mondo nun so, del resto vivo e gioco in Italia ::D_old: . L'unica cosa rimarchevole è una generalizzata forma di chiusura vs i prodotti che non sono di "massa".


G.
Mah... in zona abbiamo - e parlo solo di giochi con gruppi stabili che si ritrovano regolarmente - 1 diversi gruppi di gioco GW del wh40k (E ok), Blood Bowl e Signore degli Anelli (no, non Aos), 9th Age, Malifaux, Flames of War, Warzone Resurrection, Infinity, King of War, Warmahordes e WHFB 8a edizione (sic). Poi ci sono i gruppetti di gioco discontinui...

Non mi paiono due sistemi e i prodotti si trovano anche nei negozi.

Concordo invece col fatto che la gente è molto refrattaria a provare il nuovo. E piuttosto di cambiare scuderia si adattano al peggio del peggio...

Nizar
Wargamer Senior
Posts: 203
Joined: 22 Oct 2011, 18:38

Re: Spartan Games chiude

Post by Nizar » 29 Aug 2017, 0:22

Saint of Killers wrote:
28 Aug 2017, 23:01

ecco sia steam forged games (quella di Guild ball) che Hawk wargames (quella di dropzone drop fleet/zone commander) sono due aziende che hanno saputo approfittarsi del disinteresse di GW verso alcuni prodotti (ovvero lo sport fantasy e la roba in scala 10-15mm) e credo che stiano andando piuttosto bene

per la questione US c'e' anche da tenere in conto anche XWing (che e' giocatissimo) e c'e' anche da vedere cosa suggede una volta che FFG tira fuori Star Wars Legion con la serie "aggressiva" di uscite che ha promesso...
Però xwing non è un classico gioco di miniature, intendo dire che i prodotti stile GW, ma anche spartan etc. non sono predipinti, Xwing è più un gioco da tavolo che di fatto mi pare bypassi il lato modellistico, qualcosa che apri la scatola e hai tutto pronto per giocare. Quindi sono un po' restio a metterlo in conto.

Warmachine si è saputo imporre nel settore del 28mm (32 a dire ilv ero, ma il discorso è relativo) che era ed è lo zoccolo duro di GW, certo, hanno cercato la strada alternativa dello steampunk, ma il confronto con WH c'era sempre e comunque, ma sono riusciti alla grande. Direi che la loro espansione è fermata solo dal fatto che nel vecchio continente non hanno una distribuzione diretta. Anche infinity sta lì, e si che le prime uscite non facevano gridare al miracolo, il sistema era ed è tutt'altro che familiare e i suoi modelli non potevano e non possono essere usati come proxie per WH. Lo stesso dicasi per Maliflaux, non la mia tazza di tè come dicono gli inglesi, però producono in plastica, il che presuppone un investimento non indifferente e sembrano decisamente popolari.

Sono dell'idea che si possa partire da una nicchia, per quanto piccola, e per chi fa bene allora il mercato c'è

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 2997
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Spartan Games chiude

Post by Baldovino I » 29 Aug 2017, 12:48

Saint of Killers wrote:
28 Aug 2017, 23:02
Nizar wrote:
28 Aug 2017, 20:05
Qual'era l'ambientazione di dyspotian war?
mi pare una specie di prima guerra mondiale "alternativa"
Non esattamente. Si tratta di un mondo "alternativo" all'apice del periodo vittoriano. 1870 per l'esattezza. È un mondo simile al nostro, ma ovviamente "distopico" con toni steampunk, nel senso che la rivoluzione industriale ha prodotto uno sviluppo tecnologico particolare. DW incorpora, sin dall'inizio, elementi di guerra navale, aerea e terrestre, di modo che sia possibile organizzare battaglie su terra, in mare o in cielo. La parte che, comunque, mi sembra meglio sviluppata è quella delle battaglie navali.
Le fazioni principali sono/erano le seguenti: Britannia, Prussia, Sole splendente (giappone), Antartica, repubblica francese e federazione degli stati americani. Poi, come diceva anche cultista, sono venute fuori tutta una serie di fazioncine e sottofazioni che si potevano alleare con quelle principali.
Le miniature non erano male. Almeno secondo me.

User avatar
Baldovino I
Global Moderator
Posts: 2997
Joined: 21 Dec 2011, 18:00
Location: Belgio

Re: Spartan Games chiude

Post by Baldovino I » 29 Aug 2017, 15:51

Nizar wrote:
28 Aug 2017, 20:05
Mah, su gw, non so quanto sia affidabile questo sito ma sopratutto so se ho ben capito quello che c'è scritto, però se devo dargli retta mi pare di capire che GW non sia proprio un isola felice:
https://www.macroaxis.com/invest/ratio/ ... Bankruptcy
Ho dato un'occhiata al sito. Innanzitutto si tratta di un sito di analisi finanziarie per potenziali investitori in azioni sul mercato americano. Il problema grosso, secondo me, è che se provi a vedere con chi confrontano l'andamento economico di GW, ti rendi conto che i competitors utilizzati non hanno nulla a che vedere con il mercato dei pupazzetti:
BNP Paribas, citibank, Agricultural bank, commonwealth bank, non possono essere utilizzate per dire se GW va meglio o peggio della concorrenza... forse per acquistare e vendere azioni, ma non per quanto riguarda la salute dell'azienda.
gillian wrote:
28 Aug 2017, 18:14
Ma io tutta sta frammentazione del mercato non la vedo, la diffusione capillare dei wargames rimane ad appannaggio di massimo un paio di ditte. La rimanenza è recuperabile, solo tramite internet, relegando i relativi prodotti ad un pubblico estremamente limitato, legato per lo più alle vicissitudini della ristretta cerchia di amici.
guarda gillian, non credo che nessuno abbia parlato di frammentazione del mercato. Facevamo riferimento, invece, alla saturazione del mercato e, direi, che in particolare quello italiano mi sembra proprio proprio saturo, tanto "assorbire" molto difficilmente eventuali novità, anche quelle di qualità. Poi, sulle ragioni per le quali il mercato sia saturo, rischiamo di entrare nel filosofico.

Nizar
Wargamer Senior
Posts: 203
Joined: 22 Oct 2011, 18:38

Re: Spartan Games chiude

Post by Nizar » 29 Aug 2017, 16:15

Ma davvero state a guardare il mercato italiano? Credo anche in altri settori, ma con certezza quello delle miniature e un mercato a dir poco miserabile in Italia. Se anche GW decide di iniziare a diradare le localizzazioni a cominciare dal WD un motivo ci sarà.

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests